CARPACCIO di PESCATRICE di ALE

Carpaccio di pescatrice





Alessia mi ha proprio conquistato con questa ricetta. Me l ha proposta e io subito la pubblico volentieri, anche perchè io non sarei mai in grado di preparare un simile piatto a base di pesce e colgo al volo questa sua per proporvela.
Cucinare il pesce non è semplice per tutti, infatti io mi limito a crostacei , conchiglie e filetti di pesce bianco al cartoccio messi in forno, così al naturale che fan tutto da soli..
Mi viene anche da sorridere perchè pensare alla rana pescatrice mi fa venire in mente come prima cosa il pesciolone mostruoso dotato di lanterna che nuota nei fondali marini del film "Alla Ricerca di Nemo"....ovviamente la più comune Coda di Rospo l ho mangiata..sì..solo questo pesce, da quando da piccola mi conficcai una spina di lisca direttamente in faringe. Numerosi i tentativi degli infermieri del Pronto Soccorso di tranquillizzare una bambina di cinque anni urlante e impaurita che si vedeva aggirare intorno camici bianchi armati di pinza..
E' meglio dimenticare certi episodi, e pensare a questo pesce gustoso, dalla polpa soda e bianca e soprattutto privo di spine, indicato alle più svariate cotture dalla padella alla brace ...e meraviglioso in questa forma di carpaccio



Ingredienti per 4/6 persone:

1 Rana pescatrice
1 lime
1 finocchio
2 pomodori
1 melograno
Olio extravergine d’oliva
Sale e pepe q.b.
1 pagnotta di grano duro
2 zucchine
1 limone
3 cucchiai di ricotta
Pulire la pescatrice (meglio se già fatta pulire dal pescivendolo di fiducia) e tagliarla a fettine molto sottili, marinarla mezz’ora prima di servirla con sale, olio evo e buccia di lime, cospargerla del succo.
Tagliare finocchi e pomodori a fettine sottilissime con la mandolina, metterli a mollo in acqua gelata e ghiaccio per farli arricciare, condirli in seguito con limone e sale.
Affettare la pagnotta sempre finemente, avvolgere la fetta ad un bicchiere e legarla con spago da cucina, togliere il bicchiere e mettere le fette di pane cosi’ legate in forno a tostare, 50° per circa 15 minuti.
Tagliare le zucchine, prendendo la parte verde e circa mezzo centimetro di parte bianca, scartare tutto l’interno, frullarla con olio evo, ed unire la ricotta emulsionando con un cucchiaio d’acqua se dovesse servire per ammorbidire il composto, aggiustare di sale e pepe.
Impiattare adagiando il pane, poi la pescatrice, l’insalatina di finocchi e pomodori, qualche chicco di melograno e decorare con la salsa di zucchine.

27 semi di papavero:

dolci a ...gogo!!! ha detto...

sembra davvero gustosissimo e preparato anche scenograficamente,molto bene:-)bcioni grandi imma

Virginia ha detto...

Bello, bello, bellissimo!
Elga, ti sei proprio trovata una grande socia!!

Simo ha detto...

Super raffinato! Complimenti ad Ale ed anche a te!
bacio

Mirtilla ha detto...

molto raffinato questo piatto Elga,complimenti ;)

Laura ha detto...

E' stupendo! Io col pesce sono talmente un disastro che per me il massimo della complicatezza sono i bastoncini findus!! Complimenti ad Ale!

Ale ha detto...

Grazie a tutte!
Se al pescivendolo oltre a far pulire la pescatrice la fate anche affettare... il gioco è fatto!
15 minuti ed il piatto è pronto!

Elisakitty ha detto...

Anzitutto complimenti per il tuo blog che leggo sempe appassionatamente... Anche se è solo la prima volta che scrivo un commento. Foto splendida e il carpaccio sembra essere eccezionale! Bravi a te e Ale!

manu e silvia ha detto...

sicuramente è bellissimo da vedere! poi, questo pesce non lo abbiamo mai magiato..ma la ricetta in sè è davvero molto particolare!!
un bacione

Mary ha detto...

un piatto a dir poco raffinato e molto ben presentato !

Onde99 ha detto...

Non sono sicura che mi piaccia la pescatrice, ma questo piatto è bellissimo!

Barbara ha detto...

Sai che non ho mai mangiato pesce crudo? Eppure questa tua preparazione è davvero molto invogliante... se sabato trovo la pescatrice veramente fresca la provo, grazie!!

Lo ha detto...

hai ragione cucinare il pesce non è da tutti e io faccio come te...in forno al nature! mi piacerebbe imparare! complimenti ad Ale per questa ricetta raffinatissima!

Ale ha detto...

Per non prendere meriti che non sono miei... è meglio che faccia alcune precisazioni!
Ho seguito alcuni corsi di cucina dello Chef Gatta, la ricetta che Elga ha pubblicato è una rielaborazione del carpaccio di pescatrice presentata in questi corsi. La ricetta originale prevedeva l'utilizzo di pistacchi,
ma io la trovo piu' delicata con le zucchine, la presentazione nel piatto invece è pressochè identica.

Dolcienonsolo ha detto...

Complimenti ALE, sei veramnete brava...e che presentazione!!

astrofiammante ha detto...

qui il pesce almeno una volta a settimana lo mangiamo e non solo al forno...ci si prova anche con qualche cosa di più complicato, riproducendo quello che mangiamo in giro...e devo dire che questo, stasera, mi piacerebbe proprio, complimenti alla cuoca.

Gunther ha detto...

bravo il pescivendolo forse ma brava sopratutto tu

twostella il giardino dei ciliegi ha detto...

Stupefacente, e l'insegnamento per il riciolo di pane mi conquista!

lenny ha detto...

Sono ammirata: complimenti Ale!
Una ricetta davvero elegante e speciale della quale mi è piaciuta in particolare l'idea della "parentesi" di pane!!!
Ciao

Cuoche dell'altro mondo ha detto...

Un piatto di alta cucina, complimenti.
Credo che se qui avessi la possibilità di trovare del pesce veramente fresco, oserei anche di più, ma mi limito a preparazioni molto caserecce. Di mangiarlo crudo o marinato qui neanche se ne parla, non mi fido.

Ciao
Alex

Camomilla ha detto...

Io sono da sempre un po' schizzinosa nei confronti del pesce, ma la rana pescatrice fortunatamente è tra i tipi che riesco a mangiare... Ti dico la verità è un piatto così tanto raffinato e curato che ce lo vedrei bene al ristorante! Cosa darei per saper cucinare il pesce così!!!
Un bacione e buon fine settimana!

Aiuolik ha detto...

L'aspetto di questo piatto è bellissimo, complimenti!

Ciboulette ha detto...

Io impazzisco per tutti i carpacci (solo di pesce pero'), ma qui resto davvero affascinata..quella spirale di pane, i chicchi di melograno, la foto....tutto bellissimo, Elga!

Mariluna ha detto...

oh...ecco la ricetta davvero piena di sorprese questa Ale...bravissima!!!

Fra ha detto...

Piatto stupendo e poi io adoro il pesce crudo!
Un bacio
fra

germana ha detto...

Meno male che c'é Ale, sono una frana a cucinare il pesce...
grazieee

Alessia ha detto...

Molto suggestiva e anche molto delicata. Quei chicchi rossi poi, così preziosi, ricordano una pietra dura da incastonare nell'oro.
voluttuosamente bella.

buon weekend

Anna ha detto...

complita per l'originalità e la realizzazione,sembra proprio una ricetta casalinga, non sembra per nulla un immagine presa e creata da una rivista

Posta un commento

Se volete lasciare una traccia del vostro passaggio io ne sarò felissima! Per gli utenti non blogger, cliccate su Anonimo ma ricordate di inserire il vostro nome nel commento. Buona lettura!!

Nota. Solo i membri di questo blog possono postare un commento.

LinkWithin

LinkWithin Related Stories Widget for Blogs