LE MINNE DI SANT'AGATA

Minne di Sant'Agata

Sono fuori stagione decisamente per proporre questi dolci ma è una lunga storia...
Le assaggiai la prima volta da Enza in versione mignon e fu subito innamoramento verso questi pasticcini creati per onorare Sant Agata, e che ricordano volutamente seni di donna, tondi, pieni e..pure buoni!
Tornata a casa il desiderio di riproporli in famiglia era forte, ma accantonato a giornate cucinifere più lontane.

Poi la golosità si riappropria della mia memoria e così corro da Enza a cercare la ricetta, approdando ai Calicanti, i quali non solo le hanno fotografate magistralmente ma propongono anche il libro, Il conto delle Minne di Giuseppina Torregrossa, libro che narra una storia forte ma che snocciola anche la ricetta delle Minne.
Eccolo allora l'impellente bisogno di affondare i denti in una di esse e complice il viaggio in Puglia, dove ne esistono di quasi uguali, nominati Sospiri, con impasto e farcia completamente diversi sia chiaro, ma di foggia identica...tornata a casa..indovinate???

minne

Vi riporto per intero la ricetta versione Calicanti, (anche io ho dimezzato la dose di farina, ho sostituito il burro allo strutto e ho aggiunto solo più succo di limone alla glassa per riuscire a rovesciarla)
Ho utilizzato stampi sferici in silicone e ho cotto le Minne direttamente dentro lo stampo.


“Pastafrolla
600 g di farina 00
120 g di strutto
150 g di zucchero a velo
aroma di vaniglia
2 uova
Tagliare lo strutto o il burro a dadini e lavorarlo tra le dita insieme con la farina. Quando i due ingredienti saranno ben amalgamati aggiungere lo zucchero a velo, incorporare le uova e la vaniglia. Impastare velocemente. Quando il composto avrà una consistenza soffice ed elastica, da poterci affondare le dita come in un seno voluttuoso, coprire con una mappina e lasciar riposare.
Glassa
350 g di zucchero a velo
2 cucchiaio di succo di limone
2 albumi
Montare parzialemente gli albumi con un pizzico di sale. Aggiungere lo zucchero, il succo di limone e continuare a mescolare fino ad ottenere una crema bianca, lucina, spumosa.
Ripieno
500 g di ricotta di pecora
100 g di canditi
100 g di scaglie di cioccolato
80 g di zucchero
Lavorare la ricotta e lo zucchero fino a farne una crema liscia, senza grumi. Unite i canditi e il cioccolato. Lasciar riposare il frigorifero per mezz’ora circa. Imburrare e infarinare stampini rotondi, Perché il dolce abbia la forma di un seno. Stendere la pastafrolla in uno strato sottile. Foderare il fondo degli stampini, farcirli con la crema e chiuderli con dischi di pastafrolla. Capovolgerli sulla piastra unta e infarinata. Cuocere nel forno a 180∞ per 25-35 minuti. Sfornare e far freddare su una griglia. Estratta delicatamente ogni cassatina dal suo stampo, colarvi sopra la glassa, in modo uniforme Perché tenderà a solidificare in poco tempo. Perché delle semplici cassatelle si trasformino come per magia in seni maliziosi, minne piene, decorare queste magnifiche, bianche, profumate rotondità con una ciliegina candita.”


A proposito di dolci, non dimenticatevi il contest di Laura, "Cucinare dolcemente" con scadenza il 7 settembre!

31 semi di papavero:

°Glo83° ha detto...

ho sempre sentito parlare di questi "particolari" dolci, ma non li ho mai assaggiati!!! i tuoi sono bellissimi e da divorare!!! ;)

Genny @ alcibocommestibile ha detto...

appena dovessi vedere in giro la voglia di mettermi a fare questo lavoro, meriterò l'assaggio di una di queste meraviglie:D.... sono perfette!!

enza ha detto...

i ricordi prendono per la gola.
i ricordi ci fanno buona compagnia sempre e per sempre.
i ricordi ci fanno sperare che quell'incanto torni.
grazie.

Claudia ha detto...

:*
idde sunnu!
Cla

Mary ha detto...

Un dolce anche se fuori stagione è sempre invogliante per la gola....che buona!

Loredana ha detto...

Anche io sono tentata da questa ricetta ed ho la versione dei calicanti anche io, ma finora non mi sono cimentata, a te sono venute benissimo, da dare un morso attraverso il monitor!!
ciao loredana

Valeria ha detto...

che stupenda nudità!!! un morsetto è d'obbligo!!

Alem ha detto...

io ho letto il libro e la tua foto mi ricorda una delle descrizioni di questi dolci così così golosi e voluttuosi.
Bellissimi!!!

twostella il giardino dei ciliegi ha detto...

Visto che non ho avuto occasione di assaggiarle nella terra d'origine, mi lascio tentare dalla tua idea e li metto nella lista delle ricette da provare
:-)

arabafelice ha detto...

Mamma mia, ma sono perfette!

Passiflora ha detto...

splendide e deliziose, le vorrei fare ma per ora non ho gli stampini, cercherò di rimediare presto!

Benedetta Marchi ha detto...

che dolcetti meravigliosi!!devo assolutamente provarli!

Serena ha detto...

Che buone, queste al paese del mio compagno si chiamano "Dolci della Sposa" e durante le vacanze, la mattina, andando a comprare i cornetti per il resto della famiglia, per me prendevo queste, sono un modo dolcissimo di svegliarsi!

Vicky ha detto...

Il libro è bellissimo, e anche le tue minne!

Patrizia ha detto...

sono una meraviglia!!!
Anche in Calabria le fanno e si chiamano con in Puglia "Sospiri" diversa farci diversa pasta.
Di certo queste sono una golosità unica!

:-)***

Valentina ha detto...

non le ho mai assaggiate ma hanno un aspetto davvero invitante!

Manuela e Silvia ha detto...

Ciao, le abbiamo viste nei blog un sacco di volte, ma non abbiamo ancora avuto occasione di asaggiarle! Devono essere semplicemente sublimi!
Grazie per la ricetta, ma le vediamo un po' troppo complesse per noi pasticcere pasticcione! Però troveremo il modo di gustare pure noi tali delizie!
un bacione

lerocherhotel ha detto...

meravigliose!

SiLviA ha detto...

mmh! Le Minne sono nella mia lista delle ricette che vorei proprio fare, ma non mi ci sono ancora cimentata! LA voglia mi è venuta leggendo il libro della Torregrossa e il post dei Calycanthi, ora mi torna leggendo il tuo! Son venute benissimo! Brava!!
Silvia

Elga ha detto...

Grazie davvero a tutti! Vi garantisco che sono un dolce assolutamente da provare almeno una volta anche se abbastanza laboriose...
Vi abbraccio

Sara @ Fiordifrolla ha detto...

Mai assaggiate (purtroppo) però ora, grazie alla tua ricetta, posso sempre prepararmele, no? ;)
Sono spettacolari!

Maria Antonietta ha detto...

Bellissimi! Ho letto il libro e ricordo che alla fine desideravo mangiare uno di quei dolci per concludere in bellezza. Il tuoi sono perfetti.

Sara ha detto...

decisamente da provare... mi ricordo che nel film di mozart ci sono in versione cioccolatosa e li chiamano capezzoli di venere

Ornella ha detto...

Le tue Minne sono spettacolari! :DDDD
Essì Elga, i Sospiri pugliesi sono proprio un'altra cosa, non sempre hanno la ciliegina che invece c'è sempre sulle Cassatine...
http://ammodomio.blogspot.com/2009/07/sospiri-di-bisceglie.html

Juls @ Juls' Kitchen ha detto...

sono belle, perfette, immacolate e pure, le ho mangiate solo una volta, che buone che erano! un abbraccio!

L'acqua 'dorosa ha detto...

Sono perfette. Candide. La Santa sarà felice :) Il libro è molto bello, l'ho letto in un soffio. Visto che sei un'appassionata di cucina e bei libri... posso ricordarti anche il mio contest???!!! Scade il 5 settembre.

http://lacquadorosa.blogspot.com/2011/07/il-delitto-e-servito-disfida-culinaria.html

sere ha detto...

bellisimo quel libro! mentre lo leggi non vuoi far altro che mangiare quei dolci tanto decantati!

Patty ha detto...

Le conosco le Minne ed hai ragione, oltre ad essere un piccolo capolavoro della creatività umana, sono assolutamente deliziose. Ma come sempre, il ricordo legato ad momento felice o negativo della nostra vita, influenza pesantemente l'idea che abbiamo di un cibo o di un vino che stavamo gustando in quel momento. Che ci resterà impresso come un marchio nella testa. Come quando visitiamo un posto nuovo mentre siamo innamorati...quello sarà il posto più bello per noi anche se gireremo tutto il mondo. Mi sarebbe piaciuto vedere una foto delle minne prima della glassatura...ma immagino che questo sia il tuo invito a provarci. Un abbraccio, Pat

prezzemolino ha detto...

http://www.prezzemolino.com/2011/08/il-primo-contest-di-prezzemolinocom.html

Aiuolik ha detto...

Sono bellissimi questi dolci! Mi piacerebbe molto almeno assaggiarli, se arrivo ora ne trovo ancora? ;-)

Saretta ha detto...

Che meraviglia Elga!!!!Il libro è bellissimo ma, i tuoi dolcini....praticamente perfetti!!!!

Posta un commento

Se volete lasciare una traccia del vostro passaggio io ne sarò felissima! Per gli utenti non blogger, cliccate su Anonimo ma ricordate di inserire il vostro nome nel commento. Buona lettura!!

Nota. Solo i membri di questo blog possono postare un commento.

LinkWithin

LinkWithin Related Stories Widget for Blogs