IL SILENZIO DI UNA TORTA ALLA DOPPIA PANNA E LAMPONI

Torta doppia panna e lamponi

Penso spesso alla quantità di tempo di cui si può avere bisogno.
Tempo per crescere, tempo per studiare, tempo per pensare, per recuperare e soprattutto per imparare a stare al mondo.
Nessuno si chiede mai di quanto tempo può aver bisogno una persona?
Oltre a questo, mi viene spesso da domandarmi, quanto possa essere limitata la nostra visione delle cose, soprattutto finchè continuiamo a guardarle in una sola prospettiva...
Si perchè la nostra vita, seppure vissuta da noi in prima persona, è affolata da miliardi persone, e fra questi miliardi ce ne sono alcune incatenate alla nostra, di vita, in maniera indissolubile e altre che piano piano se ne staccheranno, sempre quando il tempo lo vorrà.
Dobbiamo imparare a considerare e di conseguenza a comportarci, dopo aver guardato attentamente entrambe le prospettive e mettere l'egogentrismo da parte, perchè aihmè il mondo non ruota solo per noi.
Si cresce in questa maniera...sapete?
Ognuno vive un percorso, pensa delle cose, ne immagina delle altre.
Avere tanto tempo, imparare a sfruttarne i lati positivi e quelli più bui.
Avere sempre sentimento, anche nei confronti di chi pensiamo di aver dimenticato.
Utilizzare il silenzio come arma, e le parole.... le parole, evitiamo di buttarle al vento, che magari rimangono impigliate nei rami secchi di un albero, e continuano a dondolare nell'aria gelida di questo inverno, senza trovare pace, sfinendosi.
E purtroppo seccandosi queste parole, possono fare male agli uccellini.

Una torta questa, adatta ad essere preparata in silenzio.
Una piccola cura che consiglio a coloro che non smettono mai di parlare, e che hanno bisogno di trovare un attimo di immobilità per ponderare l energia di cui sono in possesso le loro anime e i loro cuori.
Una torta che al taglio risulta ovattata, come per magia. Ricca, morbida e golosa. E silenziosa.
Non fa rumore, nemmeno quando la mangi.
E ti puoi godere il silenzio con lei, allontando tutti quei fastidiosi chiacchericci e piccoli, molto piccoli, rumori, che però infastidiscono per la loro inutilità.

Ingredienti:
180 gr di farina 00
130 gr di zucchero
200 ml di panna fresca
80 ml di panna acida
80 gr di burro fuso tiepido
3 uova
1 cucchiaino di lievito per dolci
1 baccello di vaniglia
un pizzico di sale
250 gr di lamponi freschi o surgelati

Lavare i lamponi, se sono freschi, e asciugarli.
Tagliare per il lungo il baccello di vaniglia ed estarre i semi.
Sbattere le uova intere con lo zucchero e il sale fino ad ottenere un composto chiaro e soffice.
Aggiungere la panna fresca e la panna acida, mescolando con cura.
Versare a filo il burro e continuare a mescolare per amalgamarlo bene al composto.
Setacciare la farina con il lievito e aggiungerlo a cucchiate al composto. In ultimo i semi di vaniglia.
Imburarre e infarinare uno stampo a cerniera di 22cm di diametro. Versarvi il composto e tuffare all'interno dello stesso i lamponi, lasciandoli affondare.
Infornare a 180° per 35-40 minuti. Prova stecchino sempre raccomandata.
Spolevare di zucchero a velo una volta raffreddata e servirla con un bicchiere di succo di mela.
Si innamoreranno subito il succo e il gusto pieno della torta.

25 semi di papavero:

claudia ha detto...

Ssshhhh zitta zitta che qusta me la copio *
Cla

claudia ha detto...

Ssshhhh zitta zitta che qusta me la copio *
Cla

GG ha detto...

Mi sono innamorata anche io di questa torta, anche perchè leggere le parole "panna" e "lamponi" nella stesa frase non può che farmi nascere la voglia di provare la ricetta immediatamente...me la segno e qualcosa mi dice che la proverò!
Un bacione, GG

Cri ha detto...

...e me la mangio pure, in silenzio, con la bocca piena non si parla! ;-)
Cri

Simona Mastantuono ha detto...

semplicemente divina la foto, la torta tutto che tentazione paradisiaco sarebbe dargli un bel morso

Aria ha detto...

...in silenzio....lentamente...nessuna parola..solo una fetta di torta per condividere con te la rabbia, le considerazioni, la delusione...e la speranza!

Laura Borrini ha detto...

Panna e lamponi connubio delizioso...esattamente come cioccolato e arancia! Sarebbe bello gustarsela come dici tu...in silenzio...(io finirei per mangiarmela tutta a questo punto) ma voglio mantenere la poesia di sottofondo che hai creato ;)

Carlotta Ercolini ha detto...

leggere queste tue parole mi ha in qualche modo rilassato, allontanando ansie che riguardano proprio ciò di cui parli tu... è proprio vero che bisognerebbe a volte, semplicemente, restare in silenzio. dosare le parole e anche preferire dedicarle alle persone a cui realmente importa ciò che hai da dire. buona domenica sera. ps-la torta sembra ottima, sofficissima!
Carlotta DALLA PARTE DEI PASTICCINI

Tiziana ha detto...

La foto parla da sola e io zitta zitta l'ho preparata in due e due quattro....sarà la colazione di domattina...senza lamponi però, purtroppo non li avevo! Grazie

Elga ha detto...

Grazie di cuore a tutti..

SaraG83 ha detto...

Panna acida + panna fresca? Non ci avevo mai pensato, ma sembra un'idea fantastica!

LeCiorelle ha detto...

è stato piacevolmente rilassante leggere questo tuo post, e allora in silenzio io mi rubo un pezzetto di questa golosa torta, mordida e silenziosa :)

Michela ha detto...

sembra ultrasoffice, dev'essere fantastica!!! posso rubarne una fetta? ;)

Manuela e Silvia ha detto...

Sofficissima e dolcissima questa magnifica tortina..tutta per la domenica :)
bacioni

muffins ha detto...

Che bella che è, e sembra anche sofficissima e buonissima!

Araba Felice ha detto...

In silenzio ti ho letto, e non posso che concordare...ma che difficile applicare tutto questo sul serio.

Torta sublime, serve che te lo dica? ;-)

Simo ha detto...

una torta per cui non servono parole...basta guardarla...e parla da sè...
fantastica!

Marta ha detto...

uh...è buonissima! Un abbraccio!

Saretta ha detto...

Spesso io ho bisogno di silenzio, per riordinare i pensieri, per ascoltarmi veramente e per pensare...Ti ringrazio per questo post e per le bellissime riflessioni.
Ti abbraccio Elga, la torta è splendida ovviamente.

Tiziana ha detto...

Ciao! La torta era buonissima!! L'abbiamo spazzolata tutta in meno di mezza giornata!! Anche se non mi è venuta come la tua..la mia era lievitata molto, ma poi si è abbassata...all'interno aveva la consistenza della torta alla robiola tipo, molto umida..non so se ho sbagliato qualcosa o il forno mi ha giocato un tiro...comunque sia era davvero buonissima e penso di rifarla nel week end con i lamponi! Grazie ancora!

Acquolina ha detto...

sto spesso in silenzio, mi piace... e mi piace moltissimo la torta, adoro i lamponi!!!
ciao!
Francesca

Elga ha detto...

Ciao Tiziana! La torta che ho preparato io è diventata come dici tu il giorno successivo alla cottura. Non si è proprio abbassata, ma si è inumidita tantissimo, assomigliano a una cheesecake cotta. Io l ho trovata irresistibile!

CoCò ha detto...

Adoro il silenzio perché sono rumorosa e questa torta bè avrebbe bisogno di religioso silenzio

GG ha detto...

Come promesso l'ho provata...anche se non avendo i lamponi li ho sostituiti con dei pezzi di cioccolato fondente... un SUCCESSONE! Era davvero buono, una goduria per gli occhi e per il palato!
Se vuoi, passa dal mio blog, l'ho appena pubblicata! :-)
Un bacione, GG

elisabetta pendola ha detto...

questa mi servirebbe proprio per la mia domenica #nonveg ;)

Posta un commento

Se volete lasciare una traccia del vostro passaggio io ne sarò felissima! Per gli utenti non blogger, cliccate su Anonimo ma ricordate di inserire il vostro nome nel commento. Buona lettura!!

Nota. Solo i membri di questo blog possono postare un commento.

LinkWithin

LinkWithin Related Stories Widget for Blogs