TORTA al CIOCCOLATO e FLEUR de SEL

Torta al cioccolato e Fleur de Sal




Oramai il connubio fra il cioccolato e il sale è da molti di voi conosciuto, ma ho voluto dedicare questo post a questo dolce ugualmente, perchè oltre che ad essere eccezionale, è un dolce sorprendente, che stupirà i vostri ospiti. Originariamente preparata da Adrenalina è stata poi infornata da molti blogger, conquistando anche la mia curiosità. Diverse volte l ho proposta ad amici senza svelarne gli ingredienti, e loro al primo morso, convinti di un semplice cake al cioccolato, hanno dapprima storto il naso guardandomi con sospetto..Magari hanno anche pensato che mi fossi sbagliata, ma poi si sono lasciati conquistare dall'armonia di questi due ingredienti e dall'impasto soffice intervallato da deliziosi grani di sale. Se avete ospiti a cena domani sera preparategliela, se ne innamoreranno tutti!
Dicevo prima che questo sposalizio è noto ai più, ho visto tra l'altro all'ipermercato che anche la Lindt ha confezionato una tavoletta di cioccolato con questi ingredienti. Questo perchè il sale in cucina sta conoscendo la sua era. Un ingrediente secolare che ora sta affiorando sulle nostre tavole nelle sue forme più originali, esotiche e profumate. Tutte peculiarità che in cucina offrono una miriade di possibilità di utilizzo, e che ho pensato di raccogliere in una rubrica che trovate nella colonna di destra del blog. Le sto raccogliendo già da tempo e messe a vostra disposizione per consultazione, anzi se avete ricette originali con qalche tipo d sale, avvisatemi che le inserirò volentieri(non c'è scadenza..è perenne).

Non strabiliatevi per l'insolita forma del mio cake, ma il mio stampo di silicone mi sta lasciando...:))


Ingredienti:
300g di cioccolato fondente

200g di zucchero
120g di burro
100g di farina
1/2 cucchiaino di lievito per dolci
5 uova
1 cucchiaino scarso di fleur de sel
2 cucchiai di zenzero candito (facoltativo)

Preriscaldate il forno a 160°.
Fate fondere il cioccolato a bagnomaria, unite il burro e lasciatelo sciogliere.Mescolate bene: il composto deve risultare liscio ed omogeneo.
In una ciotola capiente sbattete (con la frusta elettrica) uova e zucchero sino a che diventeranno quasi bianche, quindi unitevi il cioccolato fuso a filo, sempre mescolando.Unite a poco a poco lievito e farina spolverandoli sul composto con un setaccio mentre continuate a mescolare dall'alto verso il basso. Infine aggiungete lo zenzero tritato.
Foderate uno stampo rettangolare con un foglio di carta da forno e versatevi il composto a strati, spolverandone ognuno con pizzico di fior di sale.Infornate e cuocete per un 1 ora e 10 minuti o sino a che, infilando uno stecchino nella torta, questo ne risulterà pulito.



34 semi di papavero:

Carolina ha detto...

Sale e cioccolato... Ma sei proprio sicura? Io in genere sono una molto "classica" in fatto di gusti alimentari... Però, devo essere sincera, c'è qualcosa in lui che mi attira...
Buona serata!

Elga ha detto...

Carolina, sono sicurissima, la devi provare assolutmene! Fidati:))

Mary ha detto...

questa storia del sale con il cioccolato mi incuriosce tanto, certamente la proverò ...baci e buon weekend!

Laura ha detto...

Io ci avevo provato ma sale e cioccolato proprio non mi piacciono insieme...ma probabilmente avevo messo troppo sale presa dall'entusiasmo. Alla fine abbiamo tolto la parte superiore e ce la siamo mangiata comunque! Un bacio

manu e silvia ha detto...

Anche noi solitamente andiamo sul classico...ma ci piace anche provare ed azzardare...ogni tanto!!
davvero particolare questa torta!!
bacioni

Elga ha detto...

Laura: Se vuoi riprovare prova a seguire questo procedimento..intervallando strati di impasto al cioccolato e grani di sale (pochi) l'insieme è tutta un'altra cosa!

Laura ha detto...

Grazie per il suggerimento...magari gli darò 1 altra chance!
ps: il piattino per la tua raccolta è in forno ;)

kristel ha detto...

L'aspetto di questa torta é fantastico, pero' é vero che se penso al sale....non mi viene tanta voglia. Ma il sapore del sale si sente, voglio dire é molto forte che risulta "salato"?
Un bacione!!

Arietta ha detto...

Carissima Elga, questo accostamento l'ho provato in Sicilia, tavoletta di cioccolato Modicano con il sale, decisamente particolare! Ora però ti pongo un quesito: noi foodblogger, si sa, siamo pronte alla sperimentazione (chi piu chi meno, ovvio) e a testare nuovi sapori e nuovi accostamenti, ma credi che potrebbe piacere anche ai miei tradizionalissimi genitori? o al mio abbastanza tradizionale moroso? te lo chiedo perchè non vorrei che me lo schifassero con tanto di rammarico e delusione catastrofista della sottoscritta al seguito! Grazie di cuore
un abbraccio e un augurio di buon we! ^_^

Simo ha detto...

Sai che mi incuriosisce molto questo accostamento?
Mmmm.......le immagini però parlano da sole........
Bacione e buon fine settimana

Susina strega del tè ha detto...

Mai sperimentato prima, mi incuriosisce....buon week end!! ^_^

Elga ha detto...

Kristel e Arietta: Mi fa piacere che scateni tanta curiosità questo dolce:) I grani di Fleur de Sel, e si può utilizzare solo questo sale, sono una via di mezzo fra le dimension del nostro sle fino e sale grosso e il sapore non è salato come quello a cui siamo abituati, è più tenue, persistente e aromatico. Quindi non dovete immaginarvi un sapore di sale comune; inoltre la quantità è un cucchiaino scarso che va ben diviso fra gli strati di impasto distribuendo i granelli in modo uniforme. C'è a chi capiterà una fetta con i granellini e chi no..ma a chi capita mi sento di garantire che non rimarrà disturbato da questo gusto..
Bacioni!!

Arietta ha detto...

rapida ed esaustiva. Sai dirmi dove posso trovare il fleur de sal in grande distribuzione? al conad non esiste! grazie!

Elga ha detto...

Io lo comprai in Francia e quando tornai a casa ne ero soddisfatta come se avessi trovato una pepita d'oro...poi vado al NaturaSi ed eccolo li in bella mostra a pochi passi da casa:))
Forse la catena Interspar ce l ha oppure qualche negozio di gastronomia. Se proprio non lo trovi fai un fischio!

lenny ha detto...

Questo dolce più degli altri di tua produzione, vorrei assaggiare, oltre che per golosità, anche e soprattutto per curiosità.
Baci

Gunther ha detto...

Perchè no? Mi incuriosice molto gli abbinamenti cioccolato e sapori salati, complimenti

Mirtilla ha detto...

e'a dir poco strepitosa!!
eppoi mi piace molto il modo in cui osi con i tuoi abbinamenti ;)
buon week

Cuoche dell'altro mondo ha detto...

Questa torta ormai è diventata un must anche a casa mia (e giuro che a me il cioccolato solitamente non fa impazzire troppo), ma con il sale si sposa che è una meraviglia. Anche io l'ho proposto a persone un po' tradizionaliste e tutte sono rimaste entusiaste.
Che buffa la forma del tuo cake :-))
Un bacione
Alex

Mariluna ha detto...

ho provato la cioccolata à la fleur de sel...non solo provata, mangio la tavoletta...un delizioso connubbio e da che faccio dolci un pizzico di sale lo aggiungo sempre. Questo dolce anche se la forma del tuo silicone é strana mi piace molto...
oggi infatti c'é un dolce al cioccolato da me é per Alex...un'abbraccio Elga forte forte da lasciarti senza fiato.*___*

Virginia ha detto...

He he...ho già dato!!!
Elga, se non li hai ancora provati, devi assolutamente (e ho detto ASSOLUTAMENTE) fare i sablès al cioccolato e fior di sale di Hermè. Il top del top del biscotto.

giucat ha detto...

Carissima Elga, finalmente potrò dare un senso al fleur de sel che ho cercato tantissimo e trovato in Francia, in Camargue. Non solo tornata a casa ho visto che quasi ogni ipermercato della mia zona vende il fleur de sel, ma ho scoperto anche che non sapevo come utilizzarlo :) Il tuo plumcake mi ispira tantissimo e non vedo l'ora di farlo (appena mi passerà l'intossicazione da cioccolato...)! Bacioni, Cat

FairySkull ha detto...

Pensa che io non l'avevo mai sentito dire !!! Comunque mi pare splendida, e vorrei assaggiarla per sentire il sapore !!! Ciao !

dolci a ...gogo!!! ha detto...

e no, lo sai che mi fido ciecamente di te quindi come posso nn farlo anch'io??mi stuzzica troppo l'idea,secondo te se uso il sale alla liquirizia faccio un danno???bacioni grandi ,imma

Elga ha detto...

Imma: Non rimane che provare..non so sarei curiosa di assaggiare anche io..ma si sente molto la liquerizia?

Ady ha detto...

Io sono uno di quei blogger che fece a suo tempo questo cake subito dopo averlo visto da Adrenalina, hai ragione, ti conquista l'abbinamento dolce aromatico del cioccolato e sapido del sale.
La forma è originale...baci cara e buona domenica

Lo ha detto...

hai ragione questa torta mi ha sempre colpito stuzzicando la mia fantasia poi non ho osato mai farla...la tua descrizione di cosa si incontra è molto stimolante! un bacione

Sarachan ha detto...

Mmm, davvero interessante... anch'io a breve posterò una semplicissima ricettina con cioccolato e fior di sale, ma questa torta la devo proprio provare!
A presto!

susy ha detto...

anche questa è una ricetta curiosa la voglio provare però non ho capito perchè devi inburrare la teglia e poi metti la carta da forno....se puoi rispondimi ciao

Elga ha detto...

Susy: Grazie per le tue visite, mi fa molto piacere sapere di essere letta anche da chi non gestisce un blog. Per la ricetta, devi sapere, che siccome non è mia, ma di un'altra ragazza che ha un blog, io ho fatto un copia ncolla della ricetta e non mi ero accorta di questo errore:)) Ora, logicamente o si imburra lo stampo o si usa la carta forno:)))
Grazie, ora correggo

Sarachan ha detto...

Ecco qua, come promesso ho postato la semplicissima ricettina del mio cioccolato al fiordisale!
A presto!

Anonimo ha detto...

ciao, mi chiedevo perche' tu e altri siti scrivete cake? cake e' l'esatta traduzione di torta nella lingua inglese. e' come dire, aggiungere 3 egg e infine amalgamare con lo sugar.
perche' prendere in prestito parole intere e sostituirle quando la nostra lingua possiede, ovviamente, le stesse parole?
se il motivo e' che in molti lo fanno non capisco perche' si debba seguire il cattivo esempio.
Inoltre "torta" e' proprio una bellissima parola, come si fa a desiderare di perderla....
sempre a proposito di italiano, tutti gli apostrofi sono causati dalla tastiera.

con sincera curiosita',

ciao. Francesca

Anonimo ha detto...

ciao, mi chiedevo perche' tu e altri siti scrivete cake? cake e' l'esatta traduzione di torta nella lingua inglese. e' come dire, aggiungere 3 egg e infine amalgamare con lo sugar.
perche' prendere in prestito parole intere e sostituirle quando la nostra lingua possiede, ovviamente, le stesse parole?
se il motivo e' che in molti lo fanno non capisco perche' si debba seguire il cattivo esempio.
Inoltre "torta" e' proprio una bellissima parola, come si fa a desiderare di perderla....
sempre a proposito di italiano, tutti gli apostrofi sono causati dalla tastiera.

con sincera curiosita',

ciao. Francesca

Elga ha detto...

Ciao Francesca, rispondo volentieri a questa domanda! E' vero che la lingua italiana possiede tutti i termini necessari e che spesso si tende ad utilizzare l'inglese perchè pensiamo che il termine renda meglio l'idea. Però è anche vero che, parlo per me, io uso indifferentemente il termine cake e il termine torta. La torta però suggerisce nell'immaginario colletivo la forma rotonda, a strati, o rettangolare e bassa. Il termine cake io lo utilizzo quando preparo un dolce con la forma cartteristica del plum cake, e quando il procedimento prevede prima la miscelazione di ingredienti secchi e poi l'aggiunta di quelli umidi. Questa è la regola generale, poi magari capita di farsi prendere la mano. Per esempio il "finger food" non l'abbiamo inventato noi blogger. Però se ci pensi ti catapulta subito l'immaginario a qualcosa da afferrare con le dita e da infilare subito in bocca. In italiano sarebbe, cibo con/per le dita..non è la stessa cosa.
Per gli apostrofi, vado a controllare, ma non ho inteso bene.
Grazie per il tuo commento a me fa sempre piacere ricevere parole sia di incoraggiamento che di critica. Spero tornerai a trovarmi

Anonimo ha detto...

Ciao! Grazie della risposta! La cosa degli apostrofi era riferita al mio commento, te lo avevo scritto con una tastiera che non permetteva gli accenti e così potevo scrivere solo apostrofi.
Ma ora ho una tastiera italiana quindi posso scrivere normalmente!
Ho capito la tua spiegazione, anche se io non trovo che la parola torta suggerisca solo una forma rotonda.
Anche per finger food, il corrispettivo italiano sarebbe stuzzichino. Te lo dicevo perchè a volte vedo sparire parole italiane proprio perchè tante persone, come dici tu, "si fanno prendere la mano". Come noterai, ormai è un pullulare di parole inglesi. La Lingua si evolve, ma una cosa è l'evoluzione naturale, una cosa è la sostituzione di parole italiane che vengono via via perse, e con esse si perdono i loro connotati, le sfumature di significato. Quello che tu intendi per cake infatti in italiano è il dolce, che suggerisce forme diverse e consistenze spugnose, come cremose, come "mattonellose".
Comunque complimenti per le ricette! io ora vivo all'estero (per questo noto così tanto come l'italia stia perdendo le proprie cose, forse esagero, o forse no..) e ogni tanto ho bisogno di trovare ricette veramente italiane per cibi veramente italiani che mi mancano moltissimo!
Ciao ciao,

Francesca

Posta un commento

Se volete lasciare una traccia del vostro passaggio io ne sarò felissima! Per gli utenti non blogger, cliccate su Anonimo ma ricordate di inserire il vostro nome nel commento. Buona lettura!!

Nota. Solo i membri di questo blog possono postare un commento.

LinkWithin

LinkWithin Related Stories Widget for Blogs