FERRAZZUOLI ALLA D'ANZI

Ferrazzuoli alla D'Anzi




La paternità di questa ricetta va a Vincenzo Buonassisi nel suo libro "Il codice della pasta". Vi ho trovato questa ricetta dovuta alle esplorazioni culinarie di Giovanni D'Anzi, al quale la città di Milano deve la canzone della Madonnina del Duomo. Incuriosita dalla tecnica di cottura delle cipolle ho voluto subito cimentarmi ottenendo un piatto di pasta strepitoso.
Della ricetta originale ho solamente sostituito i bucatini con i Ferrazzuoli di Gragnano e ho scelto cipolle di Tropea.

Ferrazzuoli alla d'Anzi




Ingredienti:
500 gr di Ferrazzuoli o pasta lunga
6 cipolle di Tropea
olio d'oliva
30 gr di burro
parmigiano
pepe

Affettare sottilmente le cipolle, metterle in un tegame con olio d'oliva tanto che arrivi a coprirle a filo. Fatele cuocere lentamente con il tegame coperto senza mescolare. La cipolla in questo modo diverrà morbidissima senza sfaldarsi e rompersi. Continuare la cottura a fiamma bassissima ammassando le cipolle al centro con un cucchiaio di legno.
Nel frattempo cuocete la pasta e subito condirli con il burro affinchè diveti "scivolosa", poi unire il Parmigiano e in ultimo la cipolla.
Mescolare, condire con il pepe.


Ricetta

Commenti

  1. Pensa Elga mi feci autografare la copia quando insieme a Veronelli passo a mangiare nel locale dove lavoravo.. ncinque anni fà ;-))
    Ti dirò penso di aver preparato un paio di ricette tratte dal libro.
    Mi hai fatto tornare la voglia di sfogliarlo ;-))
    Buona settimana

    RispondiElimina
  2. Onore alle cipolle rosse, un piatto delicato e gustoso :) magnifica giornata ^_^

    RispondiElimina
  3. Ne andrei pazza, ne sono sicura!Buona giornata carissima. Bacio

    RispondiElimina
  4. mi piace assai questa preparazione.. e il libro.. sembra una sorta di Divina Commedia! :) bello..

    RispondiElimina
  5. mi ricorda il sughetto che prepara mia zia per condire le tagliatelle, ora non so se il metododi cottura è lo stesso, però dalla foto sembra molto simile.

    però non ho capito una cosa, l'olio nel quale si stufano le cipolle, poi, va aggiunto alla pasta già condita col burro oppure si scolano le cipollee si aggiungono così alla pasta?

    RispondiElimina
  6. eccole qui..semplici se,mplici qchissà quanto gustose!!non conoscevo nè il libro nè il fomrato di pasta...per il libro mio marito ti odierà che ormai non sappiam più dove metterli!:DDDbaci

    RispondiElimina
  7. Troppo belle quelle foto con il libro Elga! I ferrazzuoli sono un formato di pasta a me sconosciuto, ma quel condimento lì sono certa mi piacerebbe assai ;)
    Buon lunedì!

    RispondiElimina
  8. Semplice e buonissimo questo condimento!
    Un abbraccio e buon inizio settimana

    RispondiElimina
  9. pochi gredienti smeplici e genuini è una pasta favolosa rendono questo piatto super vincente!!brava elga come sempre,baci imma

    RispondiElimina
  10. fameeeeeee! ottimo lavoro elga!

    RispondiElimina
  11. Un piatto di pasta semplice ma davvero molto profumato deve essere una favola da gustare!
    Un bacione
    fra

    RispondiElimina
  12. Con due prodotti di prima qualità come quelli che hai usato, non può che venire un piatto da re!

    RispondiElimina
  13. Semplici gli ingredienti, ma sicuramente buonissima, da rifare!

    RispondiElimina
  14. tutto bello, tutto buono!
    mi piace quando ci proponi queste semplici ricette, diventano ricche ed invoglianti con la tua bravura !ciao

    RispondiElimina
  15. Ciao...Sembra molto facile da preparare...mi piace brava!E mi piace troppo anche la foto del libro!
    Un abbraccio

    RispondiElimina
  16. ottimo questo piatto! adoro la cipolla cotta..complimenti anche per la foto!

    RispondiElimina
  17. E'vero, questa tecnica di cottura delle cipolle è molto interessante... tra l'latro, ho mangiato qualche giorno fa dei tagliolini con le cipolle e ne sono rimasta sorpresa, non credevo che un condimento del genere potesse risultare così goloso...

    RispondiElimina
  18. La pasta con la cipolla di tropea dobbiamo sempre provarla! La tua ricetta ci pice troppo, ancora di più se è della tradizione!
    Certamente anche la psta fa la sua notevole parte qui eh?!
    un bacione

    RispondiElimina
  19. Elga, complimenti.
    Quelli strettamente "culinari" sono pressochè ovvi... ma quelli per la fotografia d'apertura sono speciali :)
    bravissima, come sempre...

    wenny

    RispondiElimina
  20. intanto non finirò più di farti complimenti per la foto, e devo dire anche per l'originalità e la ricercatezza delle ricette... un piacere doppio quindi!

    RispondiElimina
  21. scusa, la parola giusta era per LE foto che fai, in generale...

    RispondiElimina
  22. Quanto mi piace la grafica di questa pagina

    RispondiElimina
  23. Bello questo piatto, mi ispira parecchio e w le cipolle rosse!

    RispondiElimina
  24. Ma che piatto fantastico, sara' che le foto sono meravigliose, sono senza parole, osservo.......

    RispondiElimina
  25. in questo periodo trovo deliziose piccole cipolle rosse...che ama molto anche lo gnomo...ci proverò!

    RispondiElimina
  26. Il titolo era per me alquanto misterioso ma poi quando ho visto...La prima foto è poetica e il piatto, ecco, uno di quei piatti antichi gustosissimi. Grazie per la ricetta!

    RispondiElimina
  27. con questa cottura la cipolla deve diventare ancora + deliziosa! mi piacciono queste ricette d'antan..

    RispondiElimina
  28. ce l'ho! quel libro ce l'ho ahahahahah, un po' ingiallito ma ce l'ho ahahahahahah
    fortuna che hai tirato fuori sta pasticedda elga mia n'assettamu?
    *
    cla

    RispondiElimina

Posta un commento

Se volete lasciare una traccia del vostro passaggio io ne sarò felissima! Per gli utenti non blogger, cliccate su Anonimo ma ricordate di inserire il vostro nome nel commento. Buona lettura!!

Post più popolari