GAUFFRES

Gauffres

Settimana dolce, questa che vi propongo..quindi allarmatevi perchè non è ancora finita!!

Le gauffres sono un mio punto debole. Ogni volta che pronuncio il loro nome vengo catapultata sotto la torre Eiffel, con un vento gelido, mille luci e fra le mani queata meraviglioso street food che profumava di zucchero e vaniglia.



Gauffres


Adottata la "Gauffriera" sono ben presto diventata l'idolo delle mie amiche, che me le chiedono ad oltranza, farcite con cioccolato, zucchero a velo, miele, il nulla..tutto va bene, purchè queste siano!

Allora ho provato a mescolare la mia ricetta ( adattata da questa) inserendo gli zuccherini che caratterizzano le Gauffre de Liege, che però richiedono un tempo di lievitazione e lievito fresco. Queste che vi presento hanno lievito chimico, devono riposare un pochino e scrocchiano sotto i denti!



Gauffres


Ingredienti:

400 gr di farina

300 ml di latte

100 gr di burro

75 gr di zucchero

2 uova

1pizzico di sale

1 bacca di vaniglia

1 cucchiaino di lievito per dolci

Zuccherini o granella di zucchero

Fondere il burro e lasciarlo raffreddare.

Sbattere con una frusta le uova con il latte aromatizzato con i semi della bacca di vaniglia, poi aggiungere gradualmente lo zucchero, la farina, il lievito, il pizzico di sale e infine lo zucchero in granella. Per ultimo il burro.

Cuocere nella piastra fino a che non si staccheranno e saranno dorate.

Io le farcisco sempre e volentieri con crema di nocciole e cioccolato, ma sono divine anche solo con zucchero a velo.


Gauffres

Commenti

  1. Elga, sono splendide!
    Ecco un attrezzo che mi manca, mi ha dato una buon motivo per cercarlo...buona giornata!

    RispondiElimina
  2. Sono davvero invitanti!Sembrano croccanti e gustosi, un'intera settimana di dolci??? ^_^
    sei una tentatrice ;)
    un grosso abbraccio

    RispondiElimina
  3. elga non sai quanto mi fai felice.
    e, come te, ogni volta che sento parlare di gauffres il mio ricordo va a Leuven, Belgio noi (finti) studenti erasmus, impegnati nei laboratori di biologia molecolare e in cerca di coccole perenni.
    le gauffres belgique sono leggermente rotonde, nella forma e le mangiavamo così senza niente, le gaufres de liege sono rettangolari e andavano mangiate immerse in una nuvola di panna montata.
    e poi la dame blanche, il witlof e la hoggardden, basta sennò divento sentimentale.
    grazie la mia giornata comincia bene.

    RispondiElimina
  4. aspetta aspetta che sto arrivando....favolose!!!!

    RispondiElimina
  5. Vedo che le golose serie si vedono di buon ora al mattino:D
    Ragazze che vi devo dì!! Sono troppo buone!!!
    Ma Enzina, racconta che sono la dame blanche, il witlof e la hoggardden???

    RispondiElimina
  6. Ma non c'è lievito nella ricetta ?

    Buona giornata : )

    RispondiElimina
  7. Ottime.... mi devo procurare l'attrezzino, però....!!
    Tutto è ben accetto per aiutare a ricreare il clima parigino.... ;-)
    Franci

    RispondiElimina
  8. Oh mamma mia bella ma che meraviglia sono Elga? ;-)
    Se riesco a comprare la gauffrierattrice ;-) prima dell'arrivo di un paio di amichette ..eheheheheh ;-) giuro che le preparo per colazione,senti ma non è che ti vuoi aggregare ? ;-)) We dopo Pasqua ;-))))
    Foto spettacolo!!!

    RispondiElimina
  9. io invece con le gauffres sono magicamente nella gran place di bruxelles, al freddo, ocn lo zucchero che si scioglie sotto la lingua!

    RispondiElimina
  10. quanto ne vorrei addentare una per colazione!

    RispondiElimina
  11. Le gauffres sono un punto debole per chiunque ci capisca qualcosa, sono di un buono celestiale!
    Io le mangio con sciroppo d'acero o golden syrup, mi fanno impazzire!

    RispondiElimina
  12. Oh quanto mi piacciono le gauffres. Il mio primo amore è stato a una mercatino a Vienna. Peccato non avere lo stampo, anche se mi chiedo se quello da cancelle possa essere adatto.
    Un bacione e buona giornata
    fra

    RispondiElimina
  13. Pensa che a me ricordano Formentera ed un posticino dove ne fanno di meravigliose!!!Con solo zucchero o rinforzate da crema oasticcera e fragole sono da sballo ;p Ahhhhhhhh
    Grandissima ELga, immaginocasa tua come il paese dei balocchi!bacione

    RispondiElimina
  14. Ciao, prima di tutto complimenti per il blog e poi per questo capolavoro!!! anche io le adoro... e anche a me ricordano città lontane... è da tempo che voglio comprare la gauffriera ma sono in decisa dove comprarla e quale... visto queste meraviglie posso chiederti informazioni??? quale e hai e dove posso trovarla??? grazie mille un bacio

    RispondiElimina
  15. Devono essere davvero fantastiche!! croccanti e dolcissime!!
    complimenti!!
    un bacione

    RispondiElimina
  16. non vedo l'ora di andare in belgio a provare quelle di Liège (che ho visto nel tuo archivio, bellissime!!), queste mi ricordano lo scambio culturale in alsazia al liceo, che buoneeeeee! tentazione a colazione (ma il digiuno quaresimale, ahahahhaha??) :D
    ciao, valeria

    RispondiElimina
  17. Ho l'attrezzo per preparare queste meraviglie, ma dopo un primo tentativo fallito è rimasto ad impolverarsi u uno scaffale. Dagli ingredienti mi sembra che debba venire un composto piuttosto liquido. E' questo il segreto per una buona riuscita?

    RispondiElimina
  18. nn li ho mai preparati perche nn ho l'aggeggio ma sono davvero golosissimi!!!mi devo attrezzare perche sono strepitosi!!baci imma

    RispondiElimina
  19. e chi non ama questa delizia dolciaria?? sono buonissime anche solo con un filo di zucchero a velo...per non parlare dello sciroppo d'acero che io metterei anche sulla pasta!
    la piastra per farle è una cosa che mi manca..devo assolutamente rimediare!!!!
    baci

    RispondiElimina
  20. CIAO
    Merci pour tes gauffres !!!
    Scusa, puoi mettere la quantità di lievito ?
    Ciao e tanti Smile
    Lucy

    RispondiElimina
  21. Sai che penso di non averle mai assaggiate???

    RispondiElimina
  22. Zucchero e cannella@ Hai ragione ho dimenticato di inserirlo nella lista ingredienti e compare nel procedimento! Ora correggo:)

    Lory@ Mo ce penso :))

    Francesca@ O su ebay o iscriviti alla newslettre della Lidl, così puoi correre a comprarla e ti avvisano per tempo!

    Alem@ Che meraviglia!!

    Giò@ Colazione, merenda, pre-nanna...

    Sarah@ Con lo sciroppo d'acero non ho mai provato!

    Fra@ Le cancelle che sono? Tipo cialda wafer? Questo stampo è bello profondo..

    Saretta@ Bella la mia casa come il paese dei balocchi!!!! Crema e fragole?? Mannaggia!!

    Fabiana@ Ciao, piacere di conoscerti! Io l ho acquistata su ebay, in due o tre giorni l hai a casa a prezzi contenuti. Digiti gauffriera e la cosa è fatta ma so che al Lidl ciclicamente la vendono, basta iscriversi alla newsletter per essere avvisati in tempo reale!

    Gemelle@ Sono deliziose davvero, danno dipendenza!

    Valeria@ Una foodblogger a digiuno quaresimale?? Mamma mia..

    Dodò@ L'impasto risulta bello tosto invece, si prende bene con un mestolo, ma rimane denso dopo il riposo.

    Imma@ Se inizi con le gauffre tu non smetti più!!!

    Alice@ Mi avete convinto, sei già la seconda che mi parla di sciroppo d'acero, che pensavo esc lusivo per i pancakes!

    RispondiElimina
  23. @Elga: ahahah, non mi passa neanche per la testa!! :D ho letto della newsletter della lidl, mò lo faccio subito, voglio anch'io l'aggeggio magico! :D

    RispondiElimina
  24. Mamma mia Elga, che belle invitanti!

    RispondiElimina
  25. Non vale...sono "ancorata" a Buenos Aires e non a Parigi come dice famoso tango..e mi hai fatto venite nostalgia di Parigi, del freddo (andiamo bene..), dei sapori che confortano. Mi consolero' cercando l'attrezzino da queste parte e studiando la versione gluten free...

    RispondiElimina
  26. troppo buone!!! a dire il vero ho anche la piastra e non le ho mai provate!!! un bacione.

    RispondiElimina
  27. Ma sai Elga che le gauffres mi scatenano lo stesso ricordo? Parigi, di sera, sotto alla tou Eiffel illuminata a festa con il countdown dei giorni che mancavano all'anno 2000... Grazie per avermi regalato questo bellissimo ricordo e per la ricetta di queste gauffres, concordo che la crema di nocciole e cioccolato sia i migliore degli accompagnamenti!

    RispondiElimina
  28. grazie mille.. provvedo subito!!!

    RispondiElimina
  29. Ho fatto male i conti, allora!! Sarà l'occasione buona per rispolverare la mia piastra!

    RispondiElimina
  30. Ciao!
    Partecipa anche tu al Contest di Marzo de LA CUCINA ITALIANA dedicato al TIRAMISU'!

    Per info:
    http://www.lacucinaitaliana.it/default.aspx?idPage=862&ID=337208&csuserid=2112&ar=

    Scade il 10/04/10.
    Buon lavoro!

    RispondiElimina
  31. sono meravigliosi.....ma ci sono delle forme di ferro per farle? e dove si trovano? ciao Ely

    RispondiElimina
  32. Ma elga, tu intendi la gauffriera elettrica?? Perchè io ho quella "manuale", praticamente una megapinzona con gli stampi all'estremità e che devi mettere sul fuoco del gas... una volta provai ma con pessimi risultati.... sigh...

    RispondiElimina
  33. Che droga!!!
    Io invece me ne innamorai a Londra... con il nome di waffles... ma sempre queste sono...ed appena ho potuto ho preso la piastra elettrica per farle! acquisto utilissimo e sfruttato! ogni volta che le faccio mi ritrovo a Covent Garden a LOndra...con le mani che mi si incollano di sciroppo d'acero!:)

    stupende le tue!:)
    proverò questa versione! (io nel blog ne ho altre due!) baci!

    RispondiElimina
  34. che buonee!le adoro! pensa che anche io ho l'attrezzo,ma non so più dove sia finito!:-) ora che ho visto queste meraviglie devo cercarlo e rimetterlo in azione!!

    RispondiElimina
  35. Tu pensa che io le mangio quasi solo così :)

    RispondiElimina
  36. le magerei anche io farcite come dici te...
    oppure con lo zucchero ..
    oppure senza...

    non è che te ne sono avanzate un paio?

    RispondiElimina
  37. E'il punto debole di molti :P

    RispondiElimina
  38. Io semplicemente adoro le gauffres!!! Ne ho mangiate un'infinità a PArigi...

    RispondiElimina
  39. L'introduzione potrei averla scritta io! Anch'io impazzisco per le gauffres e quando ci penso mi immergo nei ricordi di quando le ho mangiate davanti alla tour eiffel, prese nello "sgabiottino" dall'altra parte della strada che le fa ad opera d'arte (poi per me che me le pappo nutella e banana non ti dico!).
    Però la macchinetta non ce l'ho e quindi non mi rimane che tornare a parigi... ;D Che voglia che me ne hai fatto venire!

    RispondiElimina
  40. ...e dire che non le faccio spesso ma i miei figli sono golosissimi e dunque li compro anche perché le fanno davvero molto buone, io ho smesso un po' di mangiarle ero dipendente di quelle cicciottone con i zuccherini dentro che fanno croc :)

    parigi ti aspetta eh!, quando vuoi ;)

    RispondiElimina
  41. ogni tanto vedo vicino alla facoltà un furgoncino con un tipo che le vende..
    mmm fa un profumo!!
    ora me le preparo io :)

    grazie
    vale

    RispondiElimina
  42. buone ho la macchinetta ma non l'ho ancora usata...appena posso le faccio!!

    RispondiElimina

Posta un commento

Se volete lasciare una traccia del vostro passaggio io ne sarò felissima! Per gli utenti non blogger, cliccate su Anonimo ma ricordate di inserire il vostro nome nel commento. Buona lettura!!

Post più popolari