GITE GASTRONOMICHE per PICCOLI ESPLORATORI

Patata



Due sono state le esperienze che hanno vissuto i miei figli e che vi voglio raccontare, perchè trovo che siano sane e alternative possibilità per gestire la domenica.
L altra domenica eravamo al mare; pessima giornata ventosa, cielo coperto, impossibile andare in spiaggia...che fare??? Ci si guarda un pò intorno e vediamo che tanti camper hanno vicino all'uscio una cesta piena di patate e carote appena raccolte..mumble mumble.....cerchiamo qualche dritta via " Ragazzi si va al campo!!"
Partiti con le biciclette, siamo arrivati a questo terreno agricolo dove alcuni trattori stavano raccogliendo questi ortaggi, lasciando la parte di campo da loro appena calpestata a disposizione degli avventori, che come noi, desisderavano raccogliere il loro bottino!

Patate


Carota


E' stata un'esperienza divertente e costruttiva. I bambini hanno raccolto una grossa quantità di carote, scavando nella terra, e di patate imparando a riconoscere sotto quali piante bisognava esplorare!
E' stato bello preparare per loro una semplice cena coi prodotti raccolti al pomeriggio, a base di rosti di patate e un'insalata di carote crude!



particolare



Questo sabato appena trascorso le bimbe si sono recate per la gita di fine asilo alla Latteria Agricola Mogliese di Sermide, per osservare da vicino la produzione di formaggio in un caseificio. In questo caso un signor caseificio, visto che vi si produce il Parmigiano Reggiano.
I bambini hanno percorso nel loro itinerario le varie fasi di produzione di questo prezioso formaggio, concludendo il giro, prima con una sana merenda e poi visitando l'allevamento di maiali adiacente all'azienda. Questo allevamento è nato, perchè il siero di latte di scarto della produzione è un mangime per maiali prelibato , e di ottima qualità.
Le fasi di produzione prevedono:
1) La coagulazione, ovvero il passaggio dallo stato liquido a quello solido. Il formaggio è il concentrato che conserva i principi nutrizionali del latte conentendone il consumo a lunga distanza.
2)La cagliata lattica viene trasferita nelle forma o su una garza per eliminare il siero in eccesso.
3)Rottura e spurgo della cagliata, fase fondamentale della produzione.
4) Salatura
5) Stagionatura
Il Parmigiano Reggiano è un formaggio a pasta cotta le cui origini risalgono nel XIII secolo presso le aziende gestite dai monaci benedettini della pianura padana.

Sto per diventare Parmigiano Reggiano


Lettere


Nuove Forme


Forme


Stemma


Merenda


Porcellino


Cucù

Il propietario della Latteria è un signore disponibilissimo, che accoglie volentieri visitatori e scolaresche all'interno della sua Azienda, permettendo anche, a chi lo desidera, di vivere una vera e propria giornata di lavoro dalle 05:00 del mattino, seguendo la lavorazione per intero.

E' possibile acquistare burro e formaggio :)))))))

Le foto di questo post non le ho scattate io: al mare non avevo portato la macchina fotografica, mentre gli scatti al caseificio sono opera di Stefano ( quando ci vuole.. ci vuole!!)

Commenti

  1. Io sto coltivando le patate in un vasosul mio terrazzo, poi,per caso, stanno crescendo i pomodori e infine coltivo tutte le piantine aromatiche... e i bambini seguono attentamente la loro crescita. Un vero spasso!

    RispondiElimina
  2. Una splendida cosa..un'esperienza fantastica per i bimbi mettere mano direttamente nella terra, nel lavoro artigianale e laborioso di professionisti...noi stiamo aspettando belle giornate per poterci andare al campo a raccogliere i frutti proprio vicino casa nostra.
    Buona gioranta Cara Elga! :-)

    RispondiElimina
  3. fai davvero benissimo a non fermarti davanti ai piccoli imprevisti ;)
    baci

    RispondiElimina
  4. Ciao Elga!
    Anche io ero stata in quel caseificio!! Incredibile :) .. inziialmente l'odore risulta talmente forte da essere quasi intollerabile.. ma poi ci si abitua (altri compagni non ce la facevano proprio e sono usciti dall'azienda, per dirti..).
    Comunque complimenti per la 'gita fuori mare', molto costruttiva per i tuoi figli esenz'altro una bellissima esperienza.

    Un saluto!

    RispondiElimina
  5. Bellissima esperienza, odori genuini, e che dire del miracolo della natura?troppo simpatici quei porcellini!
    Bacione!

    RispondiElimina
  6. Che belle uscite...didattiche direi, eheheheh!
    Sai che piacciono tanto anche a me...che sono grande?????
    ...per i bambini è un'esperienza grandiosa!

    RispondiElimina
  7. Ti capisco benissimo, anche io cerco di accompagnare la mia bimbetta verso una consapevolezza sul cibo e sulla sostenibilità, anche se ha 3 anni e queste iniziative sono davvero formative, non discorsi e discorsetti... Ti abbraccio e ti auguro una bella giornata.

    RispondiElimina
  8. Sono molto interessanti gueste gite didattiche in fattoria: imparano molte cose anche gli adulti..e poi fà piacere sapere da dove vengono e come vengono preparati i cibi che consumiamo ogni giorno!
    bacioni

    RispondiElimina
  9. quando ero piccolina anche io ho fatto queste esperienze ed in modo molto frequente, hai fatto una cosa meravigliosa, io porto ancora nel cuore quelle situazioni, brava!
    se è ancora possibile farle prova a fare una visita anche alla fabbriano, vedere come nasce un foglio di carta è qualcosa di indescrivibile, per i bimbi ancora di più e nasce in loro un rispetto della natura che non immagini neanche!
    buona giornata!

    RispondiElimina
  10. Non ho bambini, ma ho vissuto per anni in campagna e so quanto faccia bene divertirsi in questo modo! Mi hai fatto ricordare di quando andavo a spigolare le cipolle rimaste nei campi con la nonna...

    RispondiElimina
  11. ecco un modo divertentee e cosrtruttivo per passare una domenica...a napoli i campi pero ce li sognamo:-)...peccato perche mi piacerebbe vivere queste esperienza con i bambini....bacioni imma

    RispondiElimina
  12. Elga, sono due esperienze bellissime per i bambini.
    QUella del parmigiano era stata organizzata proprio dalla nostra classe alle elementari (sai com'è, a Mantova è proprio il minimo!).
    Mentre per quanto riguarda la prima esperienza, so che in giro ci sono delle cascine che mettono a disposizione i propri orti per il raccolto e poi passano subito a cucinare i prodotti assieme ai bambini. Così il bambino impara a conoscere e ad amare un prodotto (soprattutto verdure-loe più ostiche) dall'inizio alla fine. Tieni conto che la cipolla è una delle verdure più gettonate (frittatone a go-go)!!!
    Io questa cosa la trovo magnifica.

    RispondiElimina
  13. perienze..e che bello il maiale!:DDD

    RispondiElimina
  14. Complimenti per la cooking session: poi ci racconterai?
    Esperienze come questa arricchiscono i bambini e contribuiscono a formarli, nel rispetto della natura e del buon cibo :-D

    RispondiElimina
  15. E' una delle cose + belle possano organizzare epr i bambini..anche noi visitammo un caseificio alle elementari!E' importante che, nell'epoca del preconfezionato, i bambini imparino a capire la qualità del cibo!
    Bacione

    RispondiElimina
  16. Uhhhh, anch'io voglio andare a raccogliere le patate e le carote!!!

    RispondiElimina
  17. che bello elga, questa sì che è stata una gitarella culturale! per i bambini è importantissimo sapere queste cose :) baci!

    RispondiElimina
  18. Che belle esperienze per i tuoi bambini! Quasi quasi li invidio!

    RispondiElimina
  19. Wow che gita favolosa, adoro queste uscite a contatto con la natura e con le cose semplici...sanno sempre come ricaricarci!!!

    RispondiElimina
  20. Fantastico!! voglio tornare a scuola se fanno gite così!!!!

    RispondiElimina
  21. ohhh finalmente......avranno capito che le carote non nascono nei vassoi direttamente al super ;-)))

    RispondiElimina
  22. Che bello Elga, penso che per i bambini sia una fortuna incredibile oggi poter stare a contatto con la natura....

    Bellissimi i maialini!!!

    RispondiElimina
  23. i bambini sono curiosi, i bambini vogliono conoscere, sapere, essere informati, sono delle spugne che assorbono tutto quello che vedono e che imparano. siamo noi che molto spesso lo dimentichiamo.ora sono sicura che i tuoi figli apprezzeranno ancora di più il cibo che hanno conosciuto, toccato con mano, estratto dalla terra. purtroppo in città le occasioni sono sempre meno ma anche noi nel nostro piccolo dobbiamo dare più informazioni possibili ai nostri bambini. Quando ci sediamo a tavola, se propongo loro un cibo nuovo mi piace parlare, descriverlo, con parole semplici ovviamente, ma fare in modo così che non si trovino davanti ad una cosa sconosciuta e ne possano individuare le caratteristiche che permettono loro di riconoscerlo quando viene riproposto la volta successiva!

    RispondiElimina
  24. sono entrambe due iniziative fantastiche...ricordo che da bambina adoravo passare le giornate estive nell'orto con mio papà e il nonno a raccogliere quello che piano piano spuntava
    Un bacione
    fra

    RispondiElimina
  25. Bellissima gita!! I maialini sono adorabili!!

    RispondiElimina
  26. Tu sai quanto io ami andar per campi e informarmi sulla produzione artigianale di ottimi prodotti. Credo che sia una cosa meravigliosa per i bambini. E portare poi la sera stessa sui piatti gli ortaggi colti da loro.
    Bellissime le foto. E il maialino è troppo carino!

    Un bacione
    Alex

    RispondiElimina
  27. meravigliose esperienze...quella del campo...secondo me così ludica e appagante...e poi che meraviglia scoprire l'arte di fare qualcosa...grazie per questo post

    RispondiElimina
  28. Perchè non ti aggiungi come sostenitore nel mio blog Awuanda.
    Un pò di visibilità fa bene a tutti, non trovi?

    RispondiElimina
  29. Che bella esperienza raccoglier patate e carote, la prossima volta porti anche me?

    RispondiElimina
  30. Elga sei diventata una fotografa perfetta!! Non è che lo fai di professione?!?! Cat

    RispondiElimina

Posta un commento

Se volete lasciare una traccia del vostro passaggio io ne sarò felissima! Per gli utenti non blogger, cliccate su Anonimo ma ricordate di inserire il vostro nome nel commento. Buona lettura!!

Post più popolari